Tag

, , ,

Qualche ora fa presentandovi la nuova collaborazione vi avevo annunciato di essere già a pasticciare. E così è stato. In questo periodo un pò “pieno” di eventi-progetti-sogni-realtà e quant’altro per me cucinare diventa il momento di relax. E quindi pur con tempi lenti sappiate che mi vedrete sempre postare (ho scoperto che si può programmare l’uscita del post su wordpress e quindi evviva!!possono scrivere la notte e postare di giorno…però non mi riesce sempre :/ …wordpress e io dobbiamo ancora prendere confidenza mi sa!!!). Inoltre le collaborazioni sono uno stimolo in più, e quindi…tutti in cucina!!! Si , tutti…perchè ormai qui si sono rassegnati all’idea che a volte se cucino mi serve una mano…ovvero “niente fretta per favore, c’ho da fotografare i passaggi principali e il piatto finale!” …mi butteranno fuori di casa..me lo sento!!! Oooooook torniamo a noi. Questo post-ricetta nasce grazie alla collaborazione con il Molino Rosignoli e per l’occasione di un contest (organizzato-postato-rimandato ma alla fine forse ce la facciamo) della mia Gy . Per una serie di motivi non avrei partecipato come concorrente, non mi sembrava giusto…ma cambiando alcune regole con mia immensa gioia…si…partecipo! E partecipo con questa ricetta perchè mentre pensavo a “cosa pasticciare” mi è tornato in mente il post in cui scrivevo “Ne sarebbe orgogliosa la mia Gy, ne sono certa!(credo!) Donna impavida lei che scala paure..e io che do il sangue per le more! eeeeh già!!!” …e allora perchè no! Giuro che non ho capito se per “ricetta insolita, sfiziosa, fantasiosa e assolutamente inusuale” possa intendersi pure questa..ma in ogni caso ormai questa è…picchiatemi e amen.

Vi ricordate che nel fare il Liquore di more selvatiche e (A)more avevo detto che con le more rimaste avrei fatto qualcosa??? ecco qui!!!!

INGREDIENTI

230 gr di farina “dolci e sfoglie” del Molino Rosignoli
125 gr di more sotto alcool
150 gr di burro
100 gr di zucchero semolato
2 uova
1/2 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale

PREPARAZIONE

Montate il burro fuso tiepido con lo zucchero e aggiungete le uova intere una alla volta fino ad ottenere un composto liscio e ben montato. Setacciate la farina con il lievito e mescolatelo all’impasto aggiungendo un pizzico di sale. Impastate bene. A questo punto prendete le vostre more, che avrete fatto ben sgocciolare dall’alcool ( ma se come me avete fatto il liquore sono certa che non hanno nemmeno una goccia!) e che avrete passato in un po di farina, e mescolatele con delicatezza a tutto l’impasto.

Versate a cucchiaiate negli stampi per muffin di silicone riempendoli per 2/3 dell’altezza. Ovviamente potete usare qualsiasi altro tipo di stampi, che però se non sono in silicone vanno imburrati e infarinati.

 Ok lo ammetto…io adoro questi stampini che il pazzo mi ha regalato, e sono pentita di non averne preso 2 scatole!!!! Provvederò …prometto!!! 😛

Infornate in forno preriscaldato, a 180° per circa 20-25 minuti , o comunque come sempre regolatevi col vostro forno.

Fateli freddare un pò, tirateli fuori dagli stampini, una spolverata di zucchero e…

…buon appetito!!!!

Nota: questi muffin si gustano in due versioni. Il giorno stesso, con l’esterno  croccante e l’interno morbido. L’indomani mattina invece in una versione morbidissima! La farina utilizzata mi ha sorpreso molto in postivo in questo. Impasto raffinato per un risultato eccellente nell’immediato e anche un giorno dopo! E io ovviamente come sempre…assaggio a caldo 😉

…ve lo dicevo io che le more “spiritose” le utilizzavo no? Per una che dopo un dito di vino è già brilla in effetti a colazione non era il caso…ma dopocena sono state perfette! Per gli altri invece pare che “quel tocco alcolico le rendeva squisite” anche a colazione 😛 …però per il si e per il no…magari questi muffin non dateli ai vostri piccoletti ok??? 😛

Annunci