Tag

,

Ebbene si…sono tornata tra i rovi!!! Questa volta però le ho raccolte sui Nebrodi. Aehm…attorno ci pascolavano le mucche…direi che erano pure ben concimate eh!! La mia adorata Sicilia mica ha solo l’Etna!! Era più forte di me, e ho avuto chi mi ha incitato alla raccolta…e direi non solo incitato!

Il pazzo, che quando siamo in giro di solito è l’uomo delle fontane, è diventato per l’occasione l’uomo dei rovi.

E come Batman , col suo fedele Robin, s’è immolato per salvare la sua Catwoman dalle cattivissime spine!!

…oh signori… mica mi potevo dissanguare solo io eh!!!! Ne sarebbe orgogliosa la mia Gy, ne sono certa!(credo!) Donna impavida lei che scala paure..e io che do il sangue per le more! eeeeh già!!!Comunque dicevo…tutti con le mani dentro i rovi e amen! Raccolta proficua amici miei, 2,4 kg di bellissime more!

Questa volta è deciso! Una parte verrà congelata per fare in inverno la torta di more rovesciata  e con il resto… marmellata!!!!

INGREDIENTI

1,5 Kg di more

0,750 gr di zucchero

(in linea generale si considera per 1 kg di more da 500 a 700 gr di zucchero, a secondo della loro dolcezza)

PREPARAZIONE

Se, come nel mio caso, le vostre more non sono raccolte in strada ma in una zona interna dove non passano macchine e dove non buttano pesticidi non lavate le bacche! Come già detto le more contengono oltre ai flavonoidi (considerati capaci di inibire la crescita delle cellule tumorali) la pectina,che oltre ad avere proprietà diuretiche è un gelificante. Semplicemente passatele tra le mani scuotendole e togliete quelle rovinate. Se le avete raccolte con attenzione non ne butterete nemmeno una! Non starò qui a farvi un poema su come fare la marmellata.

Pochi semplici passaggi:

1– prendete le more dopo averle pesate e stabilito quanto zucchero aggiungere e mettetele in una pentola larga con lo zucchero

2– fate cuocere all’inizio mescolando di continuo in modo che lo zucchero si sciolga e inizi il bollore.

3– continuate la cottura , sempre mescolando di contino, a fiamma dolce.

4– a metà cottura tuffate in pentola il frullatore a immersione e frullate a occhio e croce metà della frutta(manca la foto..ma sapete di cosa parlo no??)

5-appena di addensa fate la prova piattino…mettetene un cucchiaino su, se scivola deve cuocere ancora, se resta quasi ferma è pronta

6-ancora calda versatela nei barattoli che avrete precedentemente sterilizzato ( e non sto qui a riempi la testa su come si fa…non serve giusto?)

7-chiudete bene i vostri barattoli!

A questo punto non resta che decidere come volete sterilizzare.

Ci sono 2 modi:

1–  dopo aver chiuso bene i barattoli li capovolgete subito  a testa sotto e li lasciate raffreddare così ( la marmellata calda sigillerà il coperchio )

2–  arrotolati in fogli di giornale e via in pentola con dell’acqua che li copre.

30 minuti di bollore,spegnete e lasciate freddare l’acqua con i barattoli dentro.

Semplice no???

Io li ho sterilizzati tutti in pentola, tranne uno che ho capovolto. Con 1,5 kg di more mi son venuti 6 barattoli. Ovviamente se non amate i  grumi delle more la confettura a metà cottura va passata al setaccio e poi rimessa sul fuoco. A me piaceva l’idea di “sentire” la mora, quindi ho preferito lasciare un pò di more intere e frullarne metà lasciando i grumi. Barattoli pronti per la dispensa? Aspettate un mesetto e poi via…sulle fette biscottate, o sul pane…o perchè no..una crostata o una cheesecake! 😉

…Ehm…voi direte “in foto ci sono solo 5 barattoli…e il 6° che fine ha fatto????” beh amici.. non potevo resistere 1 mese, io un barattolo l’ho già provato, quindi…

…buon appetito!!!

Annunci