Tag

Tempo di crisi o no a casa mia nei miei ricordi c’è sempre stata la nonna, e poi la mamma, che con la vecchia classica grattugia del formaggio grattugiava il pane raffermo e faceva mollica. I tempi sono cambiati, e del resto io mi stresserei un pò a stare una vita con la grattugia a mano…ma il piacere del pangrattato fresco è un “virus culinario” che nonna e mamma mi hanno trasmesso. E so che nessuno di noi ha tempo in più per mettersi a fare le cose che si possono acquistare al supermercato…ma non datemela come scusa però…volere è potere…e aggiungerei poi che…

il piacere da voglia di potere! 😉

Che poi, nulla togliendo al panificio per carità…ma non vi capita mai che il vostro pangrattato è troppo scuro?? direi …bruciacchiato? Oppure troppo fine da sembrare farina??? Ohibò…qualche volta lo compro pure io eh…ovvio! Non compro mica il pane in più solo per poi fare il pangrattato! Però capita spesso che il panino in più resta…e allora..via di olio di gomito!!!

aehm..no 😀 …di robot da cucina! 😛

Niente di più semplice e veloce. Prendete il vostro pane raffermo ( io in questo caso ho utilizzato pane bianco ma può essere anche di grano, o integrale…) spezzettatelo in pezzi che entrino nel cilindro del vostro robot e via con lo start!!! Io ho utilizzato la lama che taglia a julienne…sapete perchè?

…perchè setacciandolo con lo scolapasta il pangrattato più fine va giù…e servirà per le preparazioni dove è meglio che sia sottile…ma quello che resta …

…è un meraviglioso pangrattato per panature super croccanti!!!!!

Adesso non mi resta che decidere cosa fare (soprattutto con l’ultimo!!!) …nel frattempo bello e imbustato lo poso in frigo…

…pronto per l’uso!!! 😉

Annunci