Tag

,

Chi mi conosce da anni, chi mi seguiva in un vecchio mio blog, sa che il mio motto era “i sogni son desideri!” perchè se c’è una che ancora in certe cose crede quella sono io! ( ma non credo di essere la sola..no?). Ho sempre creduto nelle favole, pure quando gli eventi mi hanno tirata giù , giù , giù. Pure quando dopo una delusione ho detto “non ci credo più” in realtà ci credevo…perchè forse ci sono sogni che per realizzarsi hanno solo bisogno di tempo. Questa torta è il risultato del mio tempo. E’ stata la torta del mio 34° compleanno e…e si! E’ una torta adatta più a una bambina forse, ma io la volevo perchè doveva significare qualcosa. E se Cenerentola può più appartenere al mondo dei bambini piuttosto che a quello degli adulti ( ma di questo non sottoscrivo al 100%..sappiatelo!!) approfitto di questo giorno per dedicare la mia torta a una bambina che oggi compie 10 anni e a una donna che ne compie… qualcuno in più!

Perchè i sogni nascono da bambini ma non solo. E se una bambina ha l’innocenza di sognare cose a volte impossibili, gli adulti sognano cose possibili ma che a volte che necessitano di un pò di impegno! Giulia è una bambina molto amata e circondata da persone che la fanno sempre sorridere pur non vivendo una situazione semplicissima da gestire da piccoli, e oggi festeggia il suo compleanno con le persone con cui desiderava festeggiarlo. Francesca è una donna che ha già realizzato qualche sogno e che adesso forse ha tra le mani il più bello, e quest’anno festeggia con una grande gioia nel cuore. E a dirla tutta pure io vorrei realizzare almeno gli stessi sogni di Francesca…e di tutto il resto poi..chissenefrega!

Certo,poi ci si mette coi piedi per terra e si pensa che oltre ai sogni ci sono cose di tutti i giorni che sono importanti tanto  quanto un sogno. Perchè certe cose non sono uguali ad altre ma sono comunque importanti.

E se ora volessi provare a spiegarvi come fare la torta Cenerentola? Ecco..panico da: non ricordo le dosi! Questa è una di quelle cose che quando ho fatto non ho “appuntato”! E che ho fatto con i soli mezzi a casa…quindi niente attrezzi speciali, ne stampo per torta-bambola ( che esistono in commercio) però ci provo:

TORTA CENERENTOLA

Pan di spagna

Pasta di zucchero bianca e azzurra

Panna da montare

Una Barbie

Crema simil rocher

Liquore per la bagna a scelta

per il PAN DI SPAGNA

Per ogni uovo  30 gr di zucchero e 30 gr di farina e amido di frumento (50%+ 50%)

PREPARAZIONE

Montare  le uova (preferibilmente a temperatura ambiente) intere con lo zucchero a lungo , almeno 15 minuti, finchè l’impasto diventa chiaro, soffice e spumoso e finchè non “scrive” .  Con un cucchiaio di legno uniamo a poco a poco la farina setacciata incorporandola dall’alto verso il basso per non smontare le uova. Operazione lunga e delicata che però è importante per la riuscita del pan di spagna! Infornare in una teglia imburrata e infarina in forno statico a 180° per 40 minuti. NON APRIRE il forno prima dei 30 min! Una volta spento lasciare in forno con lo sportello un pò aperto per circa 5 minuti. Poi toglietelo dal forno e capovolgetelo su una griglia per farlo raffreddare.

Se avete dubbi sul vostro forno aggiungete il lievito.

per la CREMA SIMIL ROCHER

400 gr di nutella
120 gr di granella di nocciole
1/2 pacco di wafer alla nocciola
200 ml di panna non zuccherata
PREPARAZIONE
Sciogliere a bagnomaria la nutella , unire la panna e mescolare. Poi aggiungere i wafer sbriciolati e le nocciole. Se vi piace potete aggiungere un pò di liquore.
per la PASTA DI ZUCCHERO
Ci sono varie ricette sul web, con glucosio o miele, con gomma adragante, o con i marshmallow. Quindi decide voi quale  fare..oppure se avete in zona un negozio specializzato compratela già pronta!!!!

PREPARAZIONE E ASSEMBLAGGIO DELLA TORTA

Non avendo lo stampo per la base adatto a realizzare questa torta  ho  tagliato 2 pan di spagna sovrapposti , modellandoli a cupola e con un buco al centro. Poi ho tagliato a strati e bagnato con poco liquore, e infine farciti con crema simil rocher. Ho inserito le gambe della barbie avvolte nella pellicola dentro il buco al centro e ho ricoperto il tutto con panna montata e messo in frigo tutta la notte. L’indomani ho rivestito la torta con pasta di zucchero drappeggiando per creare il vestito.

Anche la parte del busto e parte dell’acconciatura sono state fatte in pasta di zucchero.

Facile no? beh a parte il drappeggio che richiede molta pasta di zucchero sottile che va maneggiata con cura per evitare che si spacchi devo dire che non è stato difficile! no! Però se è la vostra prima torta in pasta di zucchero …aehm..non so…forse meglio una torta scatola-regalo?? eheh

Beh..non mi resta che dire:

AUGURI GIULIA & FRANCESCA!

Annunci